NewsScope
16 agosto 1999
© 1999 Michael Wolfstar. Versione italiana a cura di Rishi Giovanni Gatti


L’eclisse solare instaura la “pax americana„


Per l'evento dell'eclisse solare della settimana scorsa, astrologi di tutto il mondo hanno previsto catastrofi di immane grandezza. Mentre il presidente russo Ieltsin ha - in effetti - cacciato via un altro Primo Ministro, in America un altro pazzo scatenato ha dato luogo all'ennesimo eccidio. Nessuno di questi due eventi può essere considerato così potentemente "disastroso". In realtà il mercato azionario non è crollato, la Terza Guerra Mondiale non è esplosa.

A nutrire dubbi e paure era la antica e misteriosa quartina scritta da Nostradamus, che predisse un "regno del terrore". Molti astrologi si sono aggrappati a quest'idea perché sembrava corroborasse quel pericoloso allineamento di pianeti che ha accompagnato l'evento dell'eclisse, contribuendo a formare la "Grande Croce".

L'unica circostanza che Nostradamus non previde fu lo stabilirsi della nazione degli Stati Uniti e la relativa dichiarazione di indipendenza, avvenuta 210 anni dopo la morte del veggente. Senza una dominante forza economica e militare, il "Regno del Terrore" avrebbe potuto molto probabilmente attuarsi.

I problemi diplomatici tra la Cina e Taizan, tra l'India e il Pakistan, tra la Siria e Israele, più un insieme di altri punti cruciali nel mondo, sono stati tutti "calmati" da persistenti sforzi diplomatici americani. È in quest'ottica che l'allineamento dei pianeti della Grande Croce attorno al Mediocielo statunitense, il punto del Destino e dell'Onore nella Carta Astrale, ha avuto seguito, fortunatamente benefico. Nel 1990 un contatto simile (l'eclisse solare sul Mediocielo USA) ha portato all'erompere della Guerra del Golfo.

L'eclisse attuale era sicuramente più stimolante di quella di allora, ma in questo caso nessuna nazione nel mondo ha direttamente minacciato gli Stati Uniti o i suoi interessi economici. Senza alcun dubbio, il pianeta Terra è governato dall'Impero Americano, quel nebuloso conglomerato di corporazioni, forze militari, e interessi democratici. Nel bene o nel male, il mondo "continua a funzionare" come un buon posto per fare affari.

Gli inneschi dell'eclisse


Sebbene l'impatto immediato dell'eclisse solare non è stato terribilmente tragico, il pericolo non può dirsi scampato. L'energie nascoste in una eclissi di tale portata possono erompere anche molto più tardi, soprattutto quando i suoi punti sono attivati da un transito di pianeti veloci. Da sei mesi a due anni si ritiene che sia il periodo in cui un'eclisse può astrologicamente scatenare cambiamenti.

Per esempio, Venere torna diretta l'11 settembre, ai gradi esatti dell'eclisse.  Questo punto astrologico è il primo innesco che può veramente attivare l'energia nascosta della configurazione. Per quanto riguarda il simbolismo venusiano, esso non è di per sé malefico o catastrofico. Ma quando il pianeta raggiungerà i 18 gradi del Leone e invertirà la sua rotta diventando diretto, vedremo che tipo di danno potrà infliggere all'umanità.

A Venere si associano storicamente i significati dell'industria dell'intrattenimento, del divertimento, i mercati finanziari, le stelle del cinema... Poiché Venere realizza la sua stazione diretta nella Decima Casa statunitense, potremmo pensare che una qualche grande stella americana possa lasciarci. Venere "governa" le belle donne, gli accordi commerciali, i trattati di pace, e la vittoria.

Venere diretta

Teniamo gli occhi aperti su questi temi dell'esperienza umana, attorno all'11 di settembre.

Altri due punti di innesco da osservare sono gli allineamenti del Sole con Saturno e Urano, nella prima settimana di novembre. Successivamente, gli stessi allineamenti di Marte, verso la metà di dicembre. Entrambi i pianeti (Sole e Marte) vanno a toccare i punti dell'eclisse, e sono i più pericolosi da un punto di vista diplomatico. Inoltre, gli stessi punti possono essere messi in relazione agli sviluppi del caso "Y2K" (il "millennium bug" dell'industria informatica), essendo Saturno (gli ostacoli) e Urano (la tecnologia) in aspetto problematico.

Reagan fa merenda


Smentendo notizie di stampa che lo volevano in punto di morte, Ronald Reagan è stato visto mentre gustava per merenda un sorbetto. I familiari hanno fermamente ripreso coloro che ne avevano annunciato la sua prossima fine, precisando che egli frequenta regolarmente il suo ufficio e passeggia lungo la spiaggia.

Ronald Reagan nacque nel Segno umanitario dell'Acquario il 6 febbraio del 1911 in Tampico, Illinois. Il suo Sole è esattamente opposto al Mediocielo statunitense, allineamento che suggerisce naturale patriottismo e voglia di servire la nazione. La Luna, Saturno, Vesta e il Nodo Nord nel Segno tradizionalista del Toro, descrivono bene la sua politica conservatrice, tendenza amplificata e ricompensata dall'ottimista Giove in stretto aspetto.
Con il Sole, la Luna  e Giove tutti in strettissimo rapporto con i pianeti dell'eclisse, è impossibile non aspettarsi cattive notizie sul piano della salute, almeno da un punto di vista astrologico.

L'orario di nascita conosciuto gli dona un Ascendente nel Segno del Sagittario, segno dei cantastorie, dell'amore per gli spazi ampi e inesplorati. La forza militare di Marte in Prima Casa, opposto a Plutone, dimostra come la sua battaglia contro "l'Impero del Male" fosse una sua peculiare caratteristica esistenziale. Reagan ha scommesso sulla corsa al riarmo, trascinandosi dietro l'economia americana, costringendo i sovietici al collasso.

Il pianeta della comunicazione, Mercurio, è opposto all'immaginativo Nettuno, combinazione che può produrre una oratoria abile e persuasiva (il Grande Comunicatore) come anche una logica insicura, ed è forse l'indicatore astrologico di malattie come il morbo di Alzheimer.

reagan chart


back