NewsScope  Astrologia Politica in inglese  
Data: 27-10-2002 22:54
 
Astrologia politica per sorvegliare il mondo
© 2002 Rishi Giovanni Gatti in collaborazione con Michael Wolfstar

Giacomo, il fratello di Gesù

È di lunedì scorso l’annuncio, da parte di un gruppo di studiosi, della scoperta di una scatola funeraria in pietra risalente a duemila anni fa, che fornisce la più antica prova dell’esistenza storica di Gesù.  Un’iscrizione sull’ossario recita: «Giacomo, figlio di Giuseppe, fratello di Gesù».  Gli studiosi ritengono che questo ossario appartenesse a Giacomo, il fratello di Gesù, che fu la guida della primitiva Chiesa cristiana in Gerusalemme.

La scoperta dei Rotoli del Mar Morto (avvenuta il 30 novembre del 1947 alle 0:05 in Gerusalemme) ha consentito ad intrepidi studiosi di conoscere dell’esistenza del fratello di Gesù e del suo primario ruolo.  Ora il transito di Giove è esattamente congiunto al Plutone di questo oroscopo, e riflette la rara qualità del ritrovamento.  Inoltre il transito di Saturno è pure congiunto alla Luna e ad Urano, in Casa Decima, in Gemelli.  Saturno qui sta mettendo in dubbio d’autorità il dibattito intellettuale che è in atto sull’interpretazione degli scritti del Mar Morto, relativamente al ruolo ricoperto da Giacomo nell’ambito della Cristianità primitiva.  Non dimentichiamo che il Segno dei Gemelli rappresenta due fratelli.

Il transito di Plutone ora sta attraversando le fondamenta di questa Carta, essenzialmente, portando in superficie un oggetto rivoluzionario.  La Chiesa cattolica è specialmente preoccupata di questo, dato che la tradizione afferma che Gesù non ha alcun fratello (il transito di Saturno è ora in congiunzione al Sole dei cattolici, si vedano i precedenti numeri di Sorvegliare il mondo del 18 marzo 2002 e 26 marzo 2002).  Molto ingenuamente il proprietario dell’ossario ora ritrovato non si è reso conto dell’importanza dell’evento, semplicemente commentando: «Come può essere che il Figlio di Dio abbia un fratello?».

Preso il cecchino

Nel numero di tre settimane orsono avevamo descritto piuttosto compiutamente, sulla base di pure considerazioni astrologiche collegate al momento del primo omicidio, le caratteristiche del cecchino che ha tenuto sotto scacco l’intera nazione americana per così tanto tempo.  Ora che ne conosciamo l’identità, ne emerge una immagine più dettagliata.

John Allen nasce come un serio Capricorno il 31 dicembre del 1960 (Baton Rouge, L.A.), con Sole e Mercurio opposti da Marte, una configurazione conosciuta come capace di incitare una irritabilità estrema e l’aggressione degli altri.  In questo caso il Sole favorevolmente in contatto con Nettuno e Plutone gli ha consentito di ben temperare queste inclinazioni violente, almeno finché non è intervenuta la Sindrome della Guerra del Golfo.

Gli archivi del Pentagono mostrano che l’indiziato ha partecipato alla distruzione di un deposito di armi chimiche in Iraq tra il 4 e il 15 marzo del 1991, incidente che ha causato danni a più di diecimila soldati americani.  A quel tempo, Allen viveva la progressione del Sole in esatta quadratura con Nettuno, il governatore naturale dei gas velenosi.  Ovviamente non tutti i veterani di guerra reagiscono cadendo preda della violenza, ma nel suo caso l’equilibrio mentale così delicato è andato perduto.

Il suo giovane compare potrebbe essere stato uno stimolo importante.  John Lee Malvo nasce nel segno dei Pesci il 18 febbraio del 1985 (Kingston, Jamaica), con il Sole congiunto all’asteroide Cerere di Allen, in una combinazione ideale di padre/figlio.  Però, il Marte di Malvo dal segno impulsivo dell’Ariete squadra la polarità Sole/Marte di Allen, attivandola, letteralmente accendendola.  L’opposizione di Urano (periodo astrologico che tutti vivono intorno ai 42 anni) ha completato il quadro, e Allen non ha più potuto trattenersi.

pagina iniziale

Iscriviti gratuitamente alla AstrologiaDinamica mail-list
per venire aggiornato settimanalmente sulle novità di Sorvegliare il Mondo