NewsScope  Astrologia Politica in inglese  
Data: 25-11-2002 15:11
 
Astrologia politica per sorvegliare il mondo
© 2002 Rishi Giovanni Gatti in collaborazione con Michael Wolfstar

Che ne pensano i profeti?

Siamo tutti rimasti attoniti di fronte alle violente proteste che hanno interrotto lo spettacolo di Miss Mondo in Nigeria, con i fondamentalisti islamici all’assalto dei loro colleghi cristiani, colpevoli di avere “importato” la loro cultura occidentale che “promuove la promiscuità sessuale e l’indecenza”.  Una giornalista ha poi posto la domanda retorica «Che cosa ne avrebbe pensato Maometto?», proponendo che il profeta avrebbe sicuramente caldamente approvato non la rivolta bensì il concorso di bellezza.

Curiosamente, negli Stati Uniti sta per partire una campagna pubblicitaria che promuove una nuova coscienza ambientalista proponendo di tenere parcheggiate in garage le automobili inquinanti, e lo slogan scelto altrettanto retoricamente è «Che cosa avrebbe guidato Gesù?».

La simultanea evocazione dei due profeti trova una segnatura astrologica nel transito di Venere, pianeta associato naturalmente ai “valori”, che ha assunta moto diretto in Scorpione proprio pochi giorni fa.  Lo Scorpione aggiunge la tematica sessuale e promiscua ma anche la forza rigenerante, che in àmbito ambientalista significa riciclare e gestire i prodotti di scarto.

Ma Maometto e Gesù sono indubbiamente, per miliardi di persone, simboli dell’eroe religioso, il che ci fa pensare subito a Giove in Leone.  Sono oramai quattro mesi che Giove è nel Segno del Leone, ma ora sta per raggiungere una posizione di forza e vitalità grandissime: l’impressionante trigono con Plutone in Sagittario.  Questo irripetibile aspetto ne amplifica le passioni religiose ed è foriero di importanti sviluppi, inclusi i paventati attacchi terroristici a sfondo fondamentalista.

Il 4 dicembre 2002 Giove raggiunge il punto di massima forza, quando diventa retrogrado.  Tra il 9 e il 10 di dicembre il Sole sarà congiunto a Plutone in Sagittario, trigono perciò a Giove.  Ricordiamo che entro l’8 dicembre l’Iraq dovrà fornire agli ispettori ONU la lista dei suoi armamenti…  Non possiamo che aspettarci giochi politici epocali!

Il Grande Fratello orwelliano si avvicina

Il Pentagono ha annunciato il piano del valore di duecento milioni di dollari per creare un supercomputer destinato alla sorveglianza e all’analisi di tutti i messaggi personali elettronici, le registrazioni mediche e le transazioni bancarie, con l’obiettivo di stanare attività terroristiche.  Mentre il Governo pensa così di riuscire a debellare il terrorismo, le associazioni per i diritti civili protestano, paventando la concreta realizzazione della profezia orwelliana del “Big Brother” sopra di noi.

Abbiamo più volte studiato la Carta natale del Pentagono, ed in questa occasione ci soffermiamo meglio sul ruolo di Mercurio, Pianeta dell’Informazione.  Esso è in Cancro, congiunto al Mediocielo, e segnala la priorità assoluta che questa organizzazione ha nel procacciarsi e gestire informazioni, dato che da esse dipende la sicurezza interna (Cancro).  Mercurio in più è il pianeta governatore della Nona Casa (Affari Esteri) e della Dodicesima (Nemici Occulti)

Dato che il transito di Plutone è ora in opposizione a Marte in Nona della Carta del Pentagono, sappiamo che quello che accade a livello internazionale non è un caso.  Urano, il pianeta che governa le nuove tecnologie (!), è pure sotto l’influenza di Plutone, che insiste sulle tematiche della segretezza.  Un terzo fattore da non trascurare è il ruolo dell’Asteroide Vesta, pure in Nona Casa, che rappresenta l’altissima specializzazione; esso è sottoposto all’influenza della congiunzione di Saturno in Gemelli, ma la sua progressione secondaria ora è giunta proprio a coincidere con la posizione di Mercurio, e si appresta a raggiungere il Mediocielo nei prossimi anni.

pagina iniziale

Iscriviti gratuitamente alla AstrologiaDinamica mail-list
per venire aggiornato settimanalmente sulle novità di Sorvegliare il Mondo