NewsScope  Astrologia Politica in inglese  
Data: 21-12-2003
 
Astrologia politica per sorvegliare il mondo
© 2003 Rishi Giovanni Gatti, con Mike Wolfstar

Gheddafi smantella le sue armi letali

Annuncio a sorpresa nella settimana scorsa da parte di Gheddafi, presidente a vita della Libia: ha ammesso che ha in corso lo sviluppo di armi di distruzione di massa, biologiche, chimiche e nucleari, e che intende ora smantellarle nella supervisione di ispettori internazionali.  Sotto la sua guida, la Libia ha partecipato, sia pure in tono minore, al cosiddetto asse del male terroristico, ma ora sta tornando sui suoi passi, per riguadagnare una rispettabilità mondiale.

Era il 3 settembre 1969 (alle 6:30 del mattino, Tripoli) quando il colonnello Muammar Gheddafi prese il potere, e l’Oroscopo libico tratto per quel momento ci fornisce la “lente astrologica” attraverso cui osservare gli sviluppi attuali.  Il carattere “mercuriale” del colonnello si riflette facilmente in questa Carta, in cui il Pianeta Mercurio governa non solo l’Ascendente ma anche Sole, Luna e Mediocielo, ed è congiunto al religioso Pianeta Giove, e all’eccentrico Pianeta Urano.

Il 21 dicembre 1988, quando il volo Pan Am 103 fu fatto esplodere da una bomba terrorista causando la morte di 290 persone, segna un punto di svolta nella storia libica, con una tripla congiunzione di pianeti lenti in quadratura al Mercurio libico, che innescò una rivolta globale contro l’appoggio dato da Gheddafi al terrorismo internazionale.  Da allora, molto è cambiato, e abbiamo visto la Libia risarcire le famiglie delle vittime e collaborare con gli investigatori.

Un aspetto importante in questa Carta è la quadratura tra Marte e Plutone, che enfatizza l’uso e il rispetto del potere militare assoluto.  A metà marzo di quest’anno, con il transito di Plutone congiunto al Marte libico, è probabilmente iniziata una riflessione all’interno del regime libico, che ha portato all’annuncio di questi giorni.  L’invasione americana del territorio iracheno ha indubbiamente procurato un forte impatto nella mente di Gheddafi, e con l’arresto di Saddam Hussein (Plutone di nuovo ritornato a congiungersi con il Marte libico) si è giunti all’odierno accordo per l’eliminazione degli arsenali libici.

Superberlusconi ipnotizza un’Italia allo sfascio

Raramente si ricorda una settimana più intensa per la politica e le vicende italiane.  Il Presidente della Repubblica Dott. C.A. Ciampi ritorna alle Camere la Legge Gasparri per l’emittenza televisiva, minacciando automaticamente la stessa sopravvivenza di due dei sei canali nazionali più seguiti (Retequattro e Raitre).  Il Semestre di presidenza italiana dell’Unione europea termina con un fallimento totale, e le grandi polemiche di questi mesi si spengono silenziosamente in un nulla di fatto che testimonia la pochezza dei nostri statisti, italiani ed europei, incapaci di guardare più in là del proprio recinto elettoralistico locale.  La Legge Finanziaria passa alla Camera dopo un triplo voto di fiducia che viene avvertito dall’Opposizione come uno “scippo” fatto dal Governo al Parlamento.  In economia, abbiamo l’erompere del più grande scandalo europeo di tutti i tempi, il triste quasi-fallimento della Parmalat, gigante mondiale della produzione di latte e derivati, scandalo addirittura superiore, in valori assoluti, ai mega-scandali americani Enron e WorldCom, fallimento dovuto a speculazioni finanziarie andate male e malcelate dietro conti bancari fasulli, bilanci certificati senza controlli e galassie di società virtuali nei paradisi fiscali.  Per ultimo, ma forse più vicino a tutti i cittadini, lo scandalo delle aziende di trasporto municipalizzate di tutte le grandi città d’Italia, che non avendo rinnovato i contratti ai propri dipendenti mancando di rispettare accordi presi due anni fa, hanno costretto autisti e impiegati agli scioperi selvaggi di questi giorni, che hanno paralizzato il traffico urbano, causando notevoli danni al business dei regali natalizi.

Non ostante tutto ciò, il Presidente Silvio Berlusconi si intrattiene più del dovuto con i giornalisti nella consueta conferenza stampa di fine anno, rinnovando la sua candidatura per i prossimi quindici anni, e affermando che va tutto bene e che a metà legislatura il bilancio dell’azione di governo è più che positivo.

Astrologicamente, dobbiamo segnalare la coincidenza astrale dei due malefici Marte e Saturno, che dall’Ariete e dal Cancro condizionano non solo l’Oroscopo italiano (con Mercurio in evidenza) ma anche quello di Berlusconi (Ascendente, Sole e Mercurio in Bilancia), che si difende, come al solito, rilanciando.

Includiamo le Carte astrali della Repubblica italiana, di Berlusconi e del titolo azionario Parmalat, riferite al transito del mezzogiorno del 19 dicembre.

Repubblica Italiana Soffre Marte e Saturno

Per Berlusconi Fila Tutto Liscio

il crollo della Parmalat

pagina iniziale

Iscriviti gratuitamente alla AstrologiaDinamica mail-list
per venire aggiornato settimanalmente sulle novità di Sorvegliare il Mondo